All Posts By

IssiaAdmin

issia/irea

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit

"Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo. Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt.

Neque porro quisquam est, qui dolorem ipsum quia dolor sit amet, consectetur, adipisci velit, sed quia non numquam eius modi tempora incidunt ut labore et dolore magnam aliquam quaerat voluptatem. Ut enim ad minima veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur? Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum fugiat quo voluptas nulla pariatur?"

Bando Palermo

Profilo professionale : Ricercatore liv. 3 (ART 23) TEMPO DETERMINATO

Codice Bando ISSIA-001-2017, Gazzetta Ufficiale n. 79 del 17/10/2017

SCADENZA : 16/11/2017

NOMINA COMMISSIONE

Numero posti a concorso: 1

  • Titoli di studio: Ingegneria informatica
  • Requisiti: Titolo di Dottore di Ricerca in Ingegneria Informatica, ovvero aver svolto per un triennio attività di ricerca in settori inerenti alle competenze specifiche del bando
  • Esperienza documentata di almeno 3 anni e attitudine comprovata da elementi oggettivi a determinare avanzamenti nelle conoscenze nel settore tecnologico dei sistemi di Energy Management, basati su intelligenza artificiale/ricerca operativa/tecniche di ottimizzazione/machine Learning
  • Capacità acquisita di implementazione di reti di sensori wireless e virtual sensors per sistemi elettrici
  • Conoscenza dei seguenti linguaggi di programmazione: C++, Java, Matlab, Erlang- conoscenza della lingua inglese e dell’informatica di base- conoscenza della lingua italiana (solo per i cittadini stranieri)- Area scientifica : Informatica
  • Struttura destinataria : Istituto di Studi sui Sistemi Intelligenti per l’Automazione sez. Palermo
  • Sede: Palermo (PA)

Mini Shark2 @ Città della Scienza

The main purpose of the MiniShark2 vehicle is to be used to carry out research in the field of marine robotics but it can also be used, given its reduced size and weight, for demonstrations in educational and dissemination contexts.

A fully-functioning, scale reproduction of the Unmanned Semi-Submersible Vehicle (USSV) Shark.

MiniShark2 was launched on September 25, 2017 and it will be presented to the public for the first time on September 28, 2017 during the inauguration of the "Arctic - Interactive Tour to the North Pole" exhibition at the Museum of Science in Naples from 29 September 2017 to 10 December 2017.

Visitors to the exhibition will be given the opportunity to pilot MiniShark2 in a miniature version of the Arctic environment, thus reliving the scientific mission conducted in the summer of 2015 by CNR-ISSIA researchers in Kongsfjord when Shark was used to collect environmental parameters and water samples in sea stretches in the front of the Kronebreen glacier.

Borsa di studio Bari

Profilo professionale : Laureato

Codice Bando ISSIA-001-2017-BA-Prot 1027 del 4 8 2017,
Gazzetta Ufficiale n. 67 del 05/09/2017

SCADENZA : 20/09/2017

NOMINA COMMISSIONE

Numero borse: 1
Titoli di studio: Diplomi di laurea: Fisica, Ingegneria informatica, Ingegneria elettronica, Matematica, Informatica, Scienze geologiche

Requisiti:
– i candidati non devono aver compiuto il trentacinquesimo anno di età
– conoscenza della lingua inglese;
– Area scientifica : Ambiente

Struttura destinataria : Istituto di Studi sui Sistemi Intelligenti per l’Automazione Sede (Bari)

Integration of IoT and Robotics technologies

Giovanni Valecce developed his master thesis at the Institute of Intelligent Systems for Automation (ISSIA-CNR) in collaboration with the Telematics Lab of the Politecnico di Bari.
Giovanni Valecce developed his master thesis at the Institute of Intelligent Systems for Automation (ISSIA-CNR) in collaboration with the Telematics Lab of the Politecnico di Bari.

Giovanni Valecce developed his master thesis at the Institute of Intelligent Systems for Automation (ISSIA-CNR) in collaboration with the Telematics Lab of the Politecnico di Bari.

Giovanni's master thesis shows the advantages of the integration of IoT and Robotics technologies. The work presents an automated deployment for a Wireless Sensor Network using an Unmanned Ground Vehicle. The project considers the problem of the coverage of an area of interest with motes, aiming at an efficient connectivity level, while maximizing the covered surface. The motion of the robot is dynamically conditioned by the RSSI value corresponding to the released motes. A homogeneous and various positioning of the motes has been obtained, underlining the differences with the ideal motes' positions, as suggested by a deterministic theory.

Visita i nostri laboratori

ISSIA e il Polo Nord sul Secolo XIX

PROTEUS, IL ROBOT MARINO DELL'ISSIA CNR AL POLO NORD
PROTEUS, IL ROBOT MARINO DELL'ISSIA CNR AL POLO NORD

IN AZIONE NELL’ARCIPELAGO DELLE SVALBARD, PROGETTATO E REALIZZATO A GENOVA

“Il robot che misura la febbre della terra”

I ricercatoriCnr: «Così esploriamo i ghiacciai e studiamo il riscaldamento globale»

IL GHIACCIAIO Blomstrandbreen, sulla costa occidentale dell’arcipelago delle Svalbard, misura meglio di qualsiasi termometro il riscaldamento globale. In questa fetta del mondo, nel Mare glaciale artico, niente come lo scioglimento dei ghiacciai dà conto dei grandi cambiamenti climatici in atto. Per la sua enorme mole e per la velocità alla qualesi sta sciogliendo, Blomstrandbreen è un caso particolarmente interessante, ma inavvicinabile. Fino a ieri. Un robot, progettato e realizzato da un gruppo di ricercatori del Cnr di Genova, è servito per la prima volta quest’estate a studiare da vicino lo scioglimento del Blomstrandbreen e le sue conseguenze sull’ambiente. Gabriele Bruzzone è il ricercatore dell’Issia, l’Istituto sui sistemi intelligenti per l’automazione del Cnr che insieme alla sua squadra ha progettato, realizzato e portato per la prima volta in missione il nuovo robot.
Proteus, questo il nome della macchina, è un mezzo senza equipaggio, guidato a distanza, in grado di andare sia sulla superficie che sott’acqua. «La sua versatilità – spiega Bruzzone – ci permette di modificarlo e adattarlo alle esigenze che di volta in volta si presentano ». Nelle due settimane della sua prima missione in Artide, che sièaperta il 13 e si è chiusa il 26 giugno, Proteus è stato attrezzato con una serie di sensori per misurare le caratteristiche dell’acqua ai piedi dell’enorme ghiacciaio, come la sua temperatura, la sua torbidità o la maggiore o minore
presenza di ossigeno.

http://www.issia.cnr.it/wp/wp-content/themes/salient-2/css/fonts/svg/2.svg

SEE ALL FIELD AND INTERACTION ROBOTICS PROJECTS

Svalbard, Cnr in missione con i robot-transformer

Immagine di un ghiacciaio alle isole svalbard

I ricercatori italiani hanno appena concluso una campagna di rilevamenti senza precedenti. Grazie a tre veicoli telecomandati è stato possibile campionare acqua e aria a ridosso di ghiacciai marini in scioglimento …

PROTEUS
CAMPIONATORE
OTTO
SPLASH

Nelle acque delle isole Svalbard un team di ricercatori italiani ha appena concluso una missione pionieristica. Per la prima volta infatti sono stati raccolti – in contemporanea – dati di acqua, superficie e atmosfera in corrispondenza di ghiacciai marini in scioglimento. Un’impresa che finora a queste latitudini non era mai riuscita a nessuno e per un motivo semplice: per fare campionamenti di questo tipo bisogna avvicinarsi al ghiacciaio, con il rischio di essere travolti dai blocchi di ghiaccio che cadono sciogliendosi a causa del riscaldamento globale.

Ed ecco perché nella spedizione, conclusa lo scorso 26 giugno, i ricercatori del Cnr-Issia, Isac, Iamc, Ismar e Ibimet si sono fatti aiutare da un robot e da due droni. Le informazioni raccolte, e ancora in corso di analisi, serviranno a raffinare i modelli utilizzati per prevedere l’evoluzione del clima…

http://www.issia.cnr.it/wp/wp-content/themes/salient-2/css/fonts/svg/2.svg

SEE ALL FIELD AND INTERACTION ROBOTICS PROJECTS

High North 17

Partecipiamo alla campagna Artica High North 17

A distanza di quasi 90 anni dall'impresa del Comandante Nobile al polo Nord, la Marina Militare italiana torna nei mari del nord.
Ci siamo anche noi del l'ISSIA a bordo insieme ai colleghi dell'Istituto Idrografico della Marina, dell'ISMAR, dell'Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale, ENEA e il Centre for Maritime Research and Experimentation (NATO).

A bordo dell'Alliance le attività di ricerche si svolgeranno prevalentemente nei settori della geofisica, della geologia marina, della caratterizzazione del fondale e dell'oceanografia fisica e comprenderanno anche misure integrate di atmosfera e ottica.

Noi dell'ISSIA saremo impegnati a misurare irradianza e radianza, lungo la colonna d’acqua e in superficie, a lunghezze d’onda analoghe alle acquisizione dei satelliti di colore del mare.
Attraverso questo strumento è possibile effetturare le misure ottiche di base (normalized water leaving radiance (nLw) e remote sensing reflectance (Rrs)) dalle quali si possono stimare le grandezze geofisiche (ad esempio clorofilla, coefficiente di attenuazione della luce ecc ecc) per lo studio dell’ecosistema marino.

La nave Alliance è una nave di ricerca con capacità oceaniche, in grado di navigare e acquisire dati anche in ambienti polari. È una nave multidisciplinare, dotata sia di laboratori oceanografici e biologici che di sistemi per acquisizioni idro-oceanografiche e geofisiche.

Visita il sito della Campagna